Seigradisocietà
Dall'Ex Sanatorio di Vecchiazzano a...

Il numero speciale nato dal laboratorio di Seigradi Rivista, condotto assieme agli studenti di Scienze Infermieristiche a Forlì. Un gioco di società per allenare a pensare più liberi, fuori dagli schemi.

di Redazione
BLOG 21/03/16



Cosa lega il Sanatorio di Vecchiazzano a scienza, arte, letteratura, ritratti, musica, cinema?

Con gli studenti del corso di Laurea di Infermieristica, in una giornata abbiamo costruito un numero speciale di Seigradi, un percorso radiale di nessi per raccontare l’edificio da differenti angolature, da prospettive inedite, perché lo spazio architettonico rigoroso e razionale diventi il campo fluido e interconnesso della cultura.

Se un drone sorvolasse il Padiglione Valsalva scorgerebbe la forma del suo antenato, l’aereo a reazione V1 che vola senza uomo.
Il sanatorio è luogo di cura non solo del corpo ma anche della mente, così salendo la luminosissima scala trapezoidale si arriva ai Sette Piani di Dino Buzzati, ospedale fantastico dove si assiste alla strana metamorfosi dello stato di salute dello sfortunato Giuseppe.
La salute si cura anche con la musica, ascoltando le alte frequenze dei Pink Floyd per il loro effetto calmante, lo stesso prodotto dall’audace invenzione raccontata dal film Hysteria.
Il sanatorio nasce come luogo di cura dei malati di TBC, forse non tutti sanno che si associavano i suoi sintomi al pallore tipico dei leggendari succhia-sangue, fra cui il più celebre Conte Dracula, Vlad III di Valacchia.
Se i vampiri il sangue lo succhiano, Von Hagens, artista contemporaneo tedesco, lo sostituisce con polimeri siliconici, svelando i segreti più intimi del corpo umano, come fece Morgagni, padre della moderna Anatomia Patologica.

Scarica il pdf

Seigradisocietà è un vero e proprio gioco di società con delle regole, una casella di partenza e una di arrivo, una divertita comunità che condivide idee e conoscenze, perché insieme è più facile (e anche più bello) spostare un po’ più avanti l’asticella del proprio sapere.

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato a Seigradisocietà!

A presto, per un nuovo divertente percorso da costruire insieme!